Blog

La ginnastica cinese del Qigong per la salute da fare a casa lezione 1

In Questa sessione, viene spiegata ed eseguita una sequenza di esercizi di Qigong sui midolli, si effettuano esercizi a terra, auto trattamento di digitopressione su punti energetici di agopuntura. Tutto ciò viene fatto per poter migliorare le nostre performance Psicofisiche durante il periodo di quarantena causato dal Covid 19 e rinforzare le nostre difese immunitarie.

Vedi video:

Qigong le 8 sequenze del Ba Duan Jin per rinforzare le difese immunitarie

 

 

Sequenza degli 8 esercizi di Qigong (Ba Duan Jin) per il rafforzamento delle difese immunitarie  Lezione 1 : https://youtu.be/-Cykjn7-UuM

 

Lezione 2:  https://youtu.be/KJD3FYmNxFI

Lezione 3: https://youtu.be/k-D-DlO2obs

Lezione 4: https://youtu.be/L_oS67GGJcA

Lezione 5: https://youtu.be/Bd0ZJFs5-9Y

Lezione6: https://youtu.be/xZkkAMRJiH0

Lezione 7: https://youtu.be/DZH4cQE8KoA

Lezione 8: https://youtu.be/O9GlHlSvd2k

 

 

 

 

Qigong in oncologia

Meldola 26/10/2019 si è svolto il congresso sulle medicine integrate presso il Monastero di Scardavilla a Meldola Forlì-Cesena.

La foto ritrae me (Maurizio Mazzarelli) con la Dott.ssa Matteassi alla destra della foto (organizzatrice del congresso) e la Dott.ssa Chiara Simran Kirtan alla sinistra della foto.

In questo splendido congresso, la Dott.ssa Paola Matteassi, lode per aver realizzato un evento dove la cura del minimo particolare è stato gradito a tutti i partecipanti, me incluso, è riuscita in una sola giornata a mettere insieme tanti professionisti che hanno dato voce alle loro esperienze con risultati documentati in merito all’efficacia delle medicine integrate in ambito oncologico.

In questa rubrica espongo il mio argomento proposto in questo congresso:

Qigong come prevenzione e il miglioramento dello stile di vita in oncologia“.

Quando mi è stata data la parola prima di iniziare la relazione ho fatto una premessa a tutti i medici presenti in sala, ho spiegato che i dati che fornisco non sono miei in quanto non mi è mai stata data l’opportunità di fare sperimentazione  sui malati oncologici applicando il Qigong.

In altri paesi esteri la sperimentazione è stata fatta e va avanti con notevole successo, e sopratutto con risparmio economico per le persone sottoposte a questa disciplina.

Si da l’opportunità di avere maggior risultati in merito alla qualità della vita ai pazienti  sottoposti alle terapie di comune protocollo, riducendo notevolmente lo stato depressivo, (che non gioca a favore), e migliorare la risposta ai farmaci che vengono a loro somministrati dando minore effetti collaterali.

Ho  riportato fedelmente l’argomento come descritto sul sito madre. Si può facilmente tradurlo con l’opzione che da il PC

Ecco il link di riferimento:

https://www.newswise.com/articles/ut-md-anderson-study-finds-qigong-improves-quality-of-life-for-breast-cancer-patients-undergoing-radiation-therapy

Un particolare che ha dato un alone di speranza, è successo che dopo il mio intervento ho lanciato la proposta che al termine della mia relazione si potesse fare tutti Qigong all’esterno del monastero.

Con mia sorpresa e gioia questa iniziativa ha avuto un forte richiamo attirando circa una 15 di medici che insieme a me facevano Qigong, e ho proposto loro di eseguire insieme a me gli esercizi del Ba Duan Jin dette anche le 8 pezze di broccato.

Conclusione: Il Qigonq è una pratica millenaria ed è sempre stata usata per migliorare la stato psicofisico delle persone.

Libri, portali internet di cui anche Pub Med (sito specialistico di informazione medica) non fa altro che documentare l’efficacia, e i progressi raggiunti grazie alla sperimentazione  che la scienza  ha avuto modo di confermarne. 

A breve il Qigong verrà inserita nel prossimo compendio medico globale (OMS) sulle strategie in tema T&CM 2014 – 2023 tra le medicine complementari. Un’apertura mentale che non ha mancato di attirare l’attenzione della rivista Nature.

Il riconoscimento ufficiale sarà introdotto nell’11°  edizione della Classificazione Internazionale delle Malattie e dei problemi di salute (ICD).

Il compendio, che verrà discusso all’assemblea Mondiale della Sanità, è un documento periodicamente aggiornato che indirizza il modo con cui si fanno le diagnosi. Nel capitolo 26 della nuova edizione, che diventerà operativa per gli stati aderenti nel 2022.

Io in qualità di istruttore di tale disciplina con esperienza ventennale nel settore, nessuno mi ha mai dato agio di sottoporre questo antico metodo su pazienti oncologici.

Specifico che il Qigong  non ha effetti collaterali e potrebbe essere utilizzata anche a persone debilitate da tempo, e a malati di Parkinson.

Spero davvero che le cose possano cambiare in meglio sopratutto se si parla della salute pubblica, e che si riesca a sensibilizzare di più l’opinione della classe medica, dei cittadini  e delle nostre autorità.

 

 

 

L’operatore del massaggio Tuina per le persone anziane ha un ruolo sociale

Ormai occupandomi del massaggio Tuina da circa 20 anni ho consolidato una certa esperienza in merito a tale forma di trattamento sulle persone anziane.

Faccio una piccola premessa: il massaggio Tuina ad oggi è sempre poco noto e poco conosciuto ma più che altro dovuta alla poca divulgazione e anche per ignoranza!

Spesso viene confuso come trattamento Shiatsu, e per chi vede dall’ esterno le manovre che vengono effettuate si crede erroneamente che le manipolazioni siano state copiate dall’osteopatia o altre discipline equivalenti. Non esiste niente di più falso!

Il Tuina è un massaggio millenario non c’è una data certa ma le origini sembrano risalire a circa 500.000 anni fa quando l’uomo incominciò a costruire i primi utensili.

Le manovre che vengono effettuate non solo lavorano sulle varie fasce muscolari, ma anche sulle articolazione e riequilibrio energetico psicofisico.

Il lavoro che molto frequentemente faccio è quello di lavorare sulle persone anziane, questo è dovuto alla scarsa mobilità delle articolazioni, debolezza perché molto spesso debilitati a causa di una malattia ( Parkinson, artrosi allo stato avanzato,  Problemi cardiovascolari, ecc.).

Quasi sempre è difficile che una persona di una certa età possa venire da me in studio per un trattamento, molto spesso  capita di andare a domicilio con un lettino pieghevole per fornire alla persona sottoposta al massaggio un maggior confort e migliore manovrabilità oltre a fornire un servizio a tutti gli effetti domiciliare.

Questa opportunità che viene data  è notevole, in primo luogo molto spesso queste persone sono quasi sempre da sole e i figli impegnati nel lavoro hanno poco modo di seguire un genitore.

Il ruolo che a me e tutti quelli della mia categoria tocca, e che oltre a quello di massaggiatore si fornisce un supporto sociale e psicologico, anche perché l’anziano rimanendo in casa e interagendo poco con le persone spesso, con la scusa del massaggio è il pretesto di fare due chiacchiere, rimane gradevolmente in compagnia, si crea un rapporto di fiducia, in più ne va a beneficiare della propria salute perché se si lavora bene sulle varie fasce muscolari e muovendo le articolazioni in modo adeguato,  si riattivano le energie con la stimolazione dei punti di agopuntura con digitopressione e in più anche sulla psiche.

I risultati sono soddisfacenti, la persona è contenta, sta meglio fisicamente e psicologicamente, per me in qualità di operatore da  molta soddisfazione a livello professionale facendomi  acquisire esperienza e competenze.

Molti di loro li reputo ormai come persone appartenenti alla mia famiglia, capita spesso che nel momento del bisogno oltre al massaggio possano avere me come punto di riferimento anche su semplici commissioni oppure dare consigli.

Vicendevolmente ci si aiuta e si viene incontro alle proprie esigenze.

Mi soffermo su un episodio che mi era accaduto in passato, ossia in fase di separazione da mia moglie, dovevo cercare casa, purtroppo per chi come me è possessore di partita IVA, per le agenzie immobiliari veniamo visti peggio del demonio, perché non c’è un reddito fisso, e prediligono persone con lavoro a tempo indeterminato presso strutture pubbliche o private, oppure studenti.

Io purtroppo non fornivo nessuna garanzia, confidandomi con i miei assistiti anziani, presero la faccenda molto a cuore e alcuni di loro  mi dissero: “ Maurizio, se hai bisogno di una dichiarazione dei redditi per far fronte ad un affitto di una casa, noi ti supportiamo dandoti la nostra dichiarazione in modo che tu possa prendere un appartamento con tutta tranquillità e noi ti facciamo da garanti”.

Tale situazione che si era creata mi fece commuovere e nello stesso tempo piacere, soprattutto  per la loro collaborazione, queste persone avevano compreso la mia situazione.

Devo dire Grazie a tutto ciò che è successo è grazie soprattutto a tutti coloro che mi hanno  aiutato in un momento difficile della mia vita.

Tuttora se mi ritrovo una casa in affitto è grazie alla disponibilità di almeno 3 persone che si erano offerte, altri ancorami hanno regalato alcuni oggetti  per la casa che servivano per i primi tempi.

Perché scrivo questo articolo?

Lo scrivo per mettere in evidenza il lavoro che faccio e tutti gli operatori del settore, dove molto spesso l’opinione pubblica non è benevola nei nostri riguardi, non siamo solo quelli che freddamente facciamo un trattamento di massaggio e poi  dopo ce ne laviamo le mani.

Non escludo che alcuni professionisti facciano questo, ma ci sono tanti altri come me che lo fanno per passione e dedizione.

Nella nostra professione esiste un etica professionale e un codice deontologico ben articolato, per coloro i quali volessero approfondire questo argomento li invito a collegarsi a questo link: https://www.ottoitalia.org/codice-deontologico/.

Non è un modo per sostituirsi ad un medico oppure a una qualsiasi figura sanitaria, è una vera e propria integrazione ad un contesto  terapeutico e sociale.

Spero che in un futuro il nostro lavoro possa veramente essere visto come un opportunità,  mantenimento,  e prevenzione per la salute di tutti,  ed essere inserito come lavoro sia sociale che sanitario così come in tanti altri paesi esteri.

 

 

 

 

Massaggio Tuina con il martelletto cinese

Sin dall’antichità il massaggio tradizionale cinese Tuina, così come tanti massaggi orientali, si avvalevano di diversi utensili,  pietre sagomate (attuale Guasha), rami di legno che se  bruciati il loro tizzone avvicinato ad alcune parti del corpo dava un effetto benefico notevole sopratutto sulle sindromi da raffreddamento (attualmente evolutosi con la moxibustione) oppure se stimolati su punti di agopuntura alleviavano disturbi fisici di diversa natura, riequilibrando le energie del  corpo umano.

Oppure le coppette, inizialmente erano fatte tagliando delle sezioni di tronchi di bambù e successivamente evolute in vetro,  plastica e silicone.

All-focus

 

Oltre a questi metodi sopra elencati, la canna di bambù ha sicuramente avuto un ruolo da protagonista in quanto le tecniche di percussione o di picchiettamento hanno dato spunto a divesi interpreti della medicina tradizionale cinese di cui il Dott. Ma Li Tang realizzando un martelletto con percussore a punta fatto di gomma.

L’effetto è quello di stimolare i punti energetici dell’agopuntura con percussione e vibrazione e aree del corpo.

 

Dalla mia ventennale esperienza,  ho avuto modo di realizzare un martelletto con caratteristiche più versatili e la percussione è molto più calibrata, il materiale di cui è composto è fatto tutto di bambù, la percussione e la vibrazione è molto più profonda, ha un notevole potere sia tonificante che disperdente, dipende tutto come viene usato e sopratutto l’intensità di movimento che viene impressa.

Illustro in un breve video come è fatto,  la sua funzionalità,  l’efficacia, e metodo di utilizzo.

Esso non va confuso con il  martelletto “fior di pruno” (con gli aghi) anche perchè non aviene un sanguinamento.

Durante una seduta sono stimolati un numero di punti impensabili per un trattamento di agopuntura oppure durante una seduta di massaggio (più di un centinaio!), lasciando la persona sottoposta a trattamento  in una condizione di tonicità perchè ricaricato di energia e successivo relax.

Sulle zone più delicate della testa e del viso si procede invece con manipolazioni  tradizionali.

In definitiva il suo campo d’azione è piuttosto ampio: ottimizza il microcircolo, rende meno rigide le masse muscolari, sblocca i ristagni di Qi (energia) e di xue (sangue) alleviando la sofferenza fisica, agisce sugli stati emozionali, e sicuramente dopo un trattamento del genere si esce più rinvigoriti.

Il metodo di lavoro per un professionista del benessere e della salute può cambiare in meglio offrendo al proprio cliente un servizio in più e con maggior efficacia, associandolo al trattamento che counemente fa.

Può essere utilizzato su persone di età, e diverse  condizioni fisiche dall’atleta alla persona anziana.

Per chi volesse acquistarlo, oppure avere maggiori delucidazioni sul metodo può contattarmi direttamente con i riferimenti riportati su questo sito internet.

 

La psiche e gli stati d’animo influenzano gli eventi

Argomento che sottoporrò oggi è di estrema importanza anche se per certi versi controverso!

Gli stati d’animo possono veramente influenzare gli eventi, oppure successi e insuccesi nel lavoro e in amore e malattia?

Ebbene sì, non bisogna subito partire con il piede sbagliato e dire…” Sono sfortunato, sfigato, oppure jellato!”

Per certi versi noi stessi abbiamo delle capacità incredibili, la nostra mente ci proietta in una dimensione del tutto paticolare, gli antichi cinesi questo lo avevano capito da tempo! Tale argomeno l’ho scritto in  base alle mie esperienze lavorative e di vita, e perchè no, anche la madicina tradizionale cinese di cui son fautore ha influenzato il mio essere.

Il destino  ha un ruolo fondamentale che spesso sottovalutiamo, la miscela che sicuramente viene creata con il risultato finale dei fatti è anche dovuto ai nostri stati emozionali, se in quel momento siamo giù di tono oppure no, quello che in medicina tradizionale cinese viene chiamato con  lo “Shen”.

Lo Shen di cui si parla ha una sua sede che è nel cuore, in effetti si può morire di crepacuore perchè esso ha collegamento diretto con la mente e se la mente è disturbata il cuore ne risente e a catena influenza anche gli organi interni creando altro tipo di disarmonia.

Una volta parlando con una persona da me trattata con il massaggio Tuina e affetta da morbo di Parkinson mi spiegò che questa brutta malattia degenerativa si era sviluppata in lui a causa dei suoi continui stati ansiosi.

Nella vita capitano sempre gli alti e bassi, bisogna essere filosofi per accettare il buono e il brutto in egual maniera, spesso capita che nel brutto si sviluppino delle cose buone e positive e delle volte l’esatto contrario con le cose buone, in un certo senso è un pò l’andatura del Tao che è in continuo movimento e l’energia dello yin si tramuta in yang e lo yang nello yin.

L’ottimismo fa bene al corpo rende più serena la mente,  gli eventi  che accadono, accadono perchè devono accadere, perchè c’è un disegno ben delineato ma lo stato d’animo e la positività di ogni singola persona fa in modo di cercare di superare al meglio le cose è veicolare al meglio uno stato latente che faceva fatica a sbloccarsi.

Un altro elemento determinante oltre a quanto già elencato è quello di circondarsi di persone positive e non di “vampiri energetici” che con le loro storie, racconti ci trasportano in uno stato d’animo ansioso depressio cercando di limitare le nostre cose: Evitatele nel modo più assoluto!

Il successo del lavoro è la positiità, la prfessionalità e sicuramente le persone che ci sono vicine escludendo i spracitati “vampiri energetici” ci danno sicuramente un aiuto per fare in modo che le cose vadano in un certo modo rendendo il nostro lavoro più leggero e redditizio.

La stessa cosa avviene anche in amore, l’allegria la positività e sopratutto la spontaneità delle cose fa sì ché  possano sempre endare bene con il nostro/a partner e fare in modo di allineare la nostra mente con la stessa frequenza d’onda con l’altro/a, e qualora dovesse capitare una delusione oppure  un abbandono, sicuramente avviene un alterazione dello stato danimo, solo che l’aspetto negativo dei cattivi pensieri osessivi non deve turbare il nostro essere perchè infuenzerà tutto il resto delle nostre cosee mettersi nell’ottica che non tutti i mali vengono per nuocere!

Anche nei casi di malattia è stato riscontrato scientificamente che l’ottimismo, l’allegria e la positività contribuiscono ad una guarigione più rapida, e su malattie molto gravi un buono stato d’animo aiuta a superare la degenza.

Termino con un antico detto cinese per la longevità salute e……… : “ mangiare poco, camminare il doppio e ridere il triplo!”

 

Maurizio Mazzarelli