L’autovalutazione energetica in Medicina Tradizionale Cinese

salute e benessere

Questo articolo cerca di dare una valutazione indicativa e pratica secondo le regole della Medicina Tradizionale Cinese anche se non si è adetti ai lavori.

Si cercano di captare segnali che normalmente noi trascuriamo oppure non facciamo caso.

Il nostro corpo è un gran comunicatore e spetta a noi capire le indicazioni fondamentali che giorno per giorno ci vengono date per ottenere un miglior equilibrio dello stato psico-fisico.

Partendo dal famoso simbolo del Tao che conosciamo tutti non è altro che un cerchio diviso a metà da una linea curva, la parte nera rappresenta lo Yin e la parte bianca lo Yang , essi sono i due aspetti che regolano la natura, l’universo e l’uomo.

Queste due forme energetiche rappresentano la notte e il giorno, le stagioni, i cicli lunari e qualsiasi altro aspetto della vita quotidiana.

Tornando al corpo umano quando le sinergie dello Yin o Yang sono in equilibrio si gode di buona salute, mentre se l’una prevale sull’altra si hanno problemi di deficit, eccessi, o vuoti dello Yin o Yang  e di Qi (energia).

In definitiva non si gode di buona salute fin quando non si riequilibrano tali forze.

Una volta comprese le energie che entrano in gioco, adesso si vede cosa si intende Yang e Yin del nostro corpo:

 

Parte Yang =  Parte posteriore del corpo (lato schiena) braccia, pelle stomaco, intestino tenue e crasso, la vescica biliare e urinaria

Parte Yin = Parte anteriore del corpo (lato petto), gambe, fegato cuore, pericardio(ministro del cuore) polmone, milza, pancreas, rene.

Capita che ogni giorno veniamo messi a dura prova dal clima, dalla nostra alimentazione, dalle attività legate all’uomo (ginnastica, lavoro, stress, ecc.)  e anche a quelle cosmiche.

Le cause climatiche prese in considerazione sono:

Vento = Di natura Yang nascente, ed è legato alla primavera il movimento è legno, aggredisce prevalentemente la parte superiore del corpo soprattutto quando da parte nostra c’è un deficit di energia (Qi), e quindi scarse difese immunitarie, penetra all’interno dell’organismo, trasformandosi in calore e dare luogo ad un disturbo di carattere instabile, come le vertigini, le contratture muscolari, cefalea.

E nella maggior parte dei casi i dolori tendono ad essere itineranti.

 Calore = Di natura Yang quindi movimento fuoco, se è in eccesso causa diminuzione di appetito si accusa maggiormente la stanchezza tendenza a respirare di più accompagnato dall’affanno.

Se il calore in eccesso è interno causato da disarmonia dagli organi interni si hanno delle manifestazioni cutanee, arrossamenti foruncoli, e sudorazione.

Umidità =  Di natura Yin/Yang ,corrisponde all’elemento terra, gli eccessi provocano problemi nella parte inferiore del corpo come gonfiori alle gambe e caviglie, dolori articolari, inoltre aumentano i rischi di tosse e catarri.

Secchezza =  Di natura Yin nascente, corrispondente all’autunno come stagione, il metallo è il suo elemento, quando è in eccesso la gola viene maggiormente colpita ed oltre a rinsecchirsi brucia, le labbra e la pelle tendono a screpolarsi, le vie respiratorie sono irritate.

Freddo = Di natura Yin quindi movimento acqua che se è in eccesso causa contratture e spasmi, quando è associato al vento può dare luogo a reumatismi, lombalgie, sciatica, e problemi legati al respiro.

Cause Alimentari 

Esse sono scatenate quando c’è una disarmonia Yin/Yang nei cibi.

Mi spiego meglio anche gli alimenti hanno le 2 componenti yin/yang una volta introdotti nel nostro organismo si trasformano in energia (Gu Qi) e possono determinare un disturbo se quelli con una particolare caratteristica vengono preferiti ad altri oppure se in un disequilibrio si continua con un alimentazione non calibrata all’esigenza del momento. Oppure un miglioramento se il cibo in questione riequilibra lo Yin/Yang del nostro corpo qualora uno avesse un problema specifico.

In Medicina tradizionale cinese tutti gli abusi, eccessi oppure deficit causano un disturbo.

Come si effettua l’autovalutazione energetica

Di solito il momento più adatto per auto valutarsi è la mattina quando si è effettuato un buon sonno e il risveglio non è uno stress ma un gradevole avvio all’attività.

Poi stare a digiuno dopo aver bevuto un bicchiere abbondante di acqua in modo da depurare e togliere i ristagni notturni.

Guardarsi allo specchio se si ha uno specchio intero sarebbe meglio ed una buona luminosità, far in modo che non si creino zone d’ombra che potrebbero dare un errata visione.

Gli occhi guardano lo specchio non con sguardo fisso e la palpebra non deve essere abbassata, abbassare leggermente la parte inferiore dell’occhio e controllare la sclera.

Se è di colore pallido tendente al roseo non ci sono problemi, se è molto rossa sta ad indicare che ci potrebbe essere un eccesso di energia Yang.

Mentre se è molto bianca e tende al grigio significa che c’è un eccesso di Yin.

Il viso deve avere un giusto colorito e i lineamenti non devono essere troppo duri o cascanti, non devono esserci borse sotto gli occhi se non ci sono normalmente e le guance non devono essere scavate.

Le labbra il loro colore non devono essere ne troppo accese e ne troppo spente.

Osservare attentamente che non vi siano macchie intorno la viso, qualora vi fossero il significato cambia in base alla loro locazione, cioè:

–         Al centro della fronte sopra il naso indicano stato di stress mentale

–         Sulla guancia sinistra è possibile che ci sia un problema energetico al fegato.

–         Sulla guancia destra c’è un deficit di energia ai polmoni

–         Sul mento vuol dire che i reni hanno un ristagno di energia

La pelle

Si cerca di pizzicare l’avambraccio, è tutto regolare quando la pelle torna ad adagiarsi e si arrossa subito dopo per poi riprendere il suo normale colore.

Se la pelle nel muoverla si ha la sensazione che sia scivolosa oppure non torna subito alla normalità non va bene.

Verificare il colore della pelle del viso.

Se tende ad essere giallastra vuol dire che c’è un problema energetico della milza e dello stomaco, se tende ad essere rossa il problema energetico è direzionato sul Cuore ed intestino tenue, se bianca significa che c’è un vuoto dell’energia Yang e un eccesso dell’energia Yin e gli organi interessati sono il polmone e l’intestino crasso, verde/bluastra disarmonia del fegato o della vescicola biliare, se tende verso il colore grigio con pallore che tende a scurirsi c’è un deficit dell’energia renale.

Controllo dei capelli

Controllare se i capelli sono spenti, opachi o molli, oppure sembrano ridotti di circa la metà, significa che c’è una disarmonia sugli organi responsabili della digestione.

Se tendono ad essere ribelli e si fa fatica a metterli nel loro posto si vede che si è accumulato molto stress di carattere emotivo.

I capelli che imbiancano nel giro di un mese significa che c’è una notevole dispersione di energia vitale e conseguentemente un deficit di energia del rene.

Controllo della Lingua

L’esame in questione deve essere rapido perché quando si osserva la lingua bisogna esaminarla per un tempo relativamente breve perché rinsecchisce e ci sono alterazioni di colore.

Quindi se si tira fuori il più possibile senza sforzi ed il colore è roseo, leggermente a punta morbida e flessibile è tutto OK.

La verifica dei colori è simile all’esame della pelle, se è giallastra la disarmonia è causata dalla milza e dello stomaco, se è pallida indica una cattiva circolazione del sangue, se all’apparenza è normale ma la punta è di colore rosso acceso significa che c’è un ristagno dello Shen (energia mentale) però di tipo affettivo e l’organo in questione è il cuore.

Controllo della postura

Come dicevo prima è preferibile avere uno specchio intero, e poi si parte per l’osservazione controllare le spalle, se sembrano più sollevate rispetto al solito cercare di rilassarle, se si sente dolore oltre le spalle e anche al collo si manifesta dolore, significa che ci sono delle contratture dovute ad una sorta di auto protezione cioè si sta cercando di proteggersi da se stessi forse a causa di difficoltà della vita quotidiana.

Se le spalle sono tendenti allo spiovente e a tirarle su si ha la sensazione di stare meglio significa che si sono superate alcune difficoltà rispetto a certi problemi e le tensioni sono andate via.

Se si è curvi quindi un accentuazione della cifosi dorsale (Gobba) lo Yin prevale sullo Yang si ha uno stato psicologico tendente al depressivo e la persona tende a chiudersi a riccio come sorta di difesa.

Si cerca di guardare un po’ il complesso posturale completo dalla testa, i piedi, e mettersi di profilo.

Di solito questa posizione può essere un dramma sotto il profilo estetico però guardiamo la cosa sotto il profilo energetico, non va bene quando la testa è protratta troppo in avanti e le curve della colonna vertebrale non sono del tutto rispettate, l’andatura rassomiglia a quella di un tasso poi nel camminare si riscontrano piedi piatti oppure le gambe tendono ad essere valghe in questi casi si cerca di imporsi di correggere tutti questi difetti con adeguata ginnastica o trattamento di massaggio,  fisioterapia, osteopatia ecc.

Alcuni rimedi

 

Fegato (Yin) e vescica biliare (Yang) appartengono all’elemento legno al clima corrisponde il vento il sapore collegato è agro/acido, la disarmonia tra questi due organi si esprime sotto il profilo psicofisico cioè collera e scoppi di Ira accompagnato da aggressività, negli stati cronici si cade in uno stato di malcontento e irritazione, un aiuto fitoterapico lo si ha con l’erba “Qing Pi”che ha un’azione analgesica e tranquillante veicolando l’energia del fegato e a fluidificare la bile e si può assumere tutte le sere nelle 2 settimane iniziali della primavera o dell’autunno, anche le tisane a base di finocchio e anice danno un valido aiuto.

Cuore (Yin) e Intestino Tenue (Yang)  Appartengono all’elemento fuoco, il clima calore estivo, il sapore collegato è  l’amaro, la disarmonia dei due organi porta ad avere uno stato d’animo agitato, timbro di voce alto e tendenzialmente chiacchierone/a. Quando cronicizza di diventa inconcludenti, dispersivi e come si suol dire “tutto fumo e niente arrosto”. L’aiuto fitoterapico è il “Dan Shen” rende fluido il sangue consigliato per chi ha il colesterolo alto, l’utilizzo è sconsigliato per chi usa anticoagulanti.

Si assume come decotto e bevuto per 10 giorni per 2 volte al giorno una al mattino e l’altra alla sera preferibilmente inizio estate e inizio inverno, evitare cibi speziati e peperoncino.

Poi aiuta molto il relax sedute di massaggi rilassanti o idromassaggio.

Stomaco (Yang) e milza (Yin) Appartengono all’elemento terra, il clima è l’umidità, il sapore collegato è dolce, la disarmonia provoca un eccesso di autocontrollo e riflessività.

La cronicità porta stati di ossessione e di timore nei riguardi di altre persone, l’aiuto fitoterapico è l’erba la “Bai Zhu” leggermente sedativa e diuretica.

Preparato il decotto si può bere tutte le mattine per circa una settimana indicato durante i cambi di stagione.

Si consiglia di bere2 litridi acqua al giorno che stimola il passaggio degli alimenti.

 

Intestino Crasso (Yang) e Polmoni (Yin) appartengono all’elemento metallo, il clima è la secchezza, il sapore collegato è il piccante.

La disarmonia tra i due organi si è tendenzialmente piagnucoloni e la tendenza e continuamente a lamentarsi.

Quando  si cronicizza entra in ballo l’ansia e tristezza, l’aiuto fitoterapico è l’erba “Huang Qi”, fluidifica i bronchi aiuta l’energia del polmone ad essere più forte e lo difende da le energie perverse del vento e freddo.

Il suo decotto va bevuto la mattina e la sere per circa 20 giorni si consiglia all’inizio dell’autunno e la primavera. Anche una tisana di Malva associate alla menta danno un valido aiuto.

 

Rene (Yin) e Vescica urinaria (Yang) Appartengono all’elemento acqua, il clima è il freddo il sapore collegato è salato. La disarmonia collegata a questi 2 organi si manifesta nella persona un ripiegamento su se stessi ed un’incapacità di affrontare le difficoltà della vita quotidiana. Quando cronicizza si sviluppa paura non solo per un caso specifico ma nell’insieme delle cose, soprattutto se non vengono risolti determinati problemi.

L’aiuto fitoterapico è l’erba cinese “Du Zung”con azione analgesica, si prepara un decotto va presa per 3 settimane e preso 2 volte al giorno nel tardo pomeriggio e prima di cena, in alternativa mangiare legumi e bere una tisana a metà pomeriggio di Betulla e Tiglio per rinforzare le energie del rene e verso sera bere una tisana con fiori e foglie di iperico per la vescica.

 Nota Bene

Per coloro i quali volessero seguire i consigli fitoterapici riportati in questa pagina e assumono regolarmente farmaci e bene ascoltare un medico onde evitare danni.