“Taping” una tecnica tutta da conoscere

salute e benessere
Questa tecnica oggi ha una vasta applicazione sia in ambito sportivo, fisioterapico, e in medicina alternativa.

Grazie al giapponese Kinesiologo  Dr. Kenzo Kase ha dato origine nel lontano 1973  all’attuale tecnica di Taping che conosciamo.

Successivamente alle olimpiadi di Seoul nel 1988 questa applicazione è stata il suo esordio a livello internazionale.

In Italia per la sua divulgazione dobbiamo ringraziare il calciatore Mario Balotelli che negli Europeidi calcio del 2012 tolse la maglietta mostrando la schiena con questi cerotti colorati, suscitando curiosità e stupore.

Dopo quella partita molte persone si sono chiesti cosa fossero quei cerotti!

In realtà la tecnica di bendaggio risulta già stata applicata molti millenni fa con gli egizi durante la procedura di mummificazione dei corpi, il principio fondamentale era quello di contenere in modo efficace i tessuti molli del corpo umano, e preservarli a lungo.

La stessa cosa avveniva per i guerrieri in altri paesi del mondo che applicavano bendaggi alle articolazioni per avere una maggiore resistenza all’enorme sforzo della battaglia.

Andando avanti con il tempo vediamo che questa tecnica è stata applicata ai pugili e agli atleti di ginnastica artistica. Il “Taping” di adesso sono bende adesive ed elastiche sagomabili o già sagomate per le diverse esigenze.

In questo settore adesso si è creata una vera e propria giungla di applicazioni, quella chinesiologica, neurologica, mio fasciale, in medicina tradizionale cinese ed altre applicazioni olistiche.

Comunque la cosa che tutti chiedono è  : “funziona?”,  “sono cerotti imbevuti di farmaco?”

Il fatto che funzioni è sicuramente sì, non hanno farmaco, agiscono meccanicamente ci sono diverse tecniche di applicazione per esempio:

Decompressione = il nastro opportunamente sagomato (fig. 1)

va inserito lì dove c’è un problema posizionando in stretching la massa muscolare viene applicato il cerotto senza imprimergli nessuna tensione se non minima. Una volta applicata la benda con il movimento della persona sottoposta a trattamento si arriccia, quindi avviene un’azione meccanica della cute agisce come se fosse una pompa richiama in superficie sangue, linfa e Qi (energia) attenuando notevolmente la sofferenza fisica localizzata.

Ha un ottima azione drenante e la sensazione di benessere è duratura.

Nelle figure 2, 3, 4 sono riportati degli esempi classici di sofferenza alla spalla e della schiene in zona lombare in medicina cinese si parlerà di ristagni di Qi (energia) e Xue (sangue).

 

 

 

 

 Pressione =  il trattamento di pressione può essere fatto in diversi modi, uno dei più semplici è riciclare una benda usata, sagomarla a forma di pallina o di quadratino più o meno grande come un pisello (legume) applicarla sul punto di agopuntura oppure su un punto ashi (punto non necessariamente appartenente ad un canale di agopuntura ma doloroso) ritenuto appropriato per un determinato problema (fig. 5, 6, 7).

 


Estensione = non è altro che un applicazione del cerotto teso sul muscolo al fine di migliorare la corretta posizione ed assetto del corpo umano ovviamente dopo aver preso in considerazione un caso specifico.

Come illustrato nella Fig. 8 la signora in questione ha una curva accentuata del tratto dorsale e i cerotti tengono in tensione le fasce muscolari senza arricciarsi.

 

 

 

 

Stabilizzazione = fissaggio trasversale del cerotto che ha la semplice funzione contenere il più possibile il movimento e l’impressione è quella di essere più sostenuto il maggior sollievo è quando si fissa dietro la schiena (vedi Fig. 4).

Drenaggio = applicazione sui canali di agopuntura oppure sui canali linfatici per agevolare il flusso sanguigno, liquidi organici e ristagni di Qi.

Nelle figure 9, 10, 11 sono applicati i cerotti per un caso di ristagno di Qi e Xue sul tallone e tendine di Achille (infiammazione del tallone e tendine di Achille con dolore all’appoggio del piede)

 

 

Asola = sagomatura tonda del cerotto e la sua applicazione ha una forte azione disperdente simile al trattamento con coppette.

Nelle  figure 12, 13, 14 sono state illustrate le fasi di un applicazione in prossimità dell’11- LI (undicesimo punto del canale dell’intestino crasso).

Il problema in questione era dolore al gomito ristagno di Qi e Xue del condilo (epicondilite).


L’esperienza di chi applica questa tecnica è fondamentale perché va ragionata in base all’esigenza della persona, richiede anche una certa abilità nel sagomare questi cerotti con adeguata forbice, purtroppo in commercio ci sono forbici ritenute specifiche per la sagomatura delle bende, alcuni rivenditori e importatori di accessori da Taping fanno pagare molti soldi (circa 39/40 €) per un attrezzo che praticamente vale molto meno

di 10 €.

Le forbici che di solito utilizzo sono forbici che utilizzano i chirurghi vedi fig. 15

valore commerciale 6 € tutta in acciaio inox  taglia bene e le sagomature sono precise,  sono reperibili in qualsiasi negozio per articoli medici.

Concludendo questa tecnica è molto efficace quando non viene applicata correttamente, non da effetti collaterali quando si sbaglia l’applicazione cioè non si ottengono i risultati voluti.

In ambito della Medicina tradizionale cinese ha una maggiore efficacia per chi conosce i canali di agopuntura l’applicazione del Taping avviene maggiormente sui canali tendino-muscolari, principali e straordinari. In alcuni casi si sostituisce bene al trattamento di agopuntura.

Un’altra cosa da sottolineare sono le colorazioni delle bende la colorazione non influisce sul grado di estensibilità del nastro e adesività del nastro, è basata solo sulla cromoterapia, materia molto discussa  ed attualmente non c’è ancora un’ampia letteratura scientifica ma In antichità gli Egizi,  Cinesi, Tibetani e Indiani la utilizzavano non solo come elemento rituale ma anche nelle loro medicine.

In linea generale cerco di inserire uno schema relativo ai colori secondo le regole della cromoterapia in medicina cinese, in modo da dare un quadro completo sull’applicazione del Taping.

  • Rosso:  stimola l’attività fisica e intellettuale, è euforizzante per lo Shen (energia mentale), migliora la circolazione del Xue (sangue), accentua l’eccitazione sessuale.
  • Blu: calmante e rilassante, attenua il mal di testa, diminuisce la pressione sanguigna, è antisettico e attenua i ristagni di Qi e Xue (sofferenza fisica).
  • Giallo: stimola intelletto e concentrazione, rafforzala Wei Qi  (il sistema immunitario), agisce sul canale di stomaco, milza – pancreas, è depurativo.
  • Verde: attenua l’insonnia, mal di testa, problemi di Qi (energia) di  fegato e vescicola biliare aiutando gli spasmi e crampi, agisce in alcuni casi di esaurimento nervoso.
  • Viola: rilassante, favorisce concentrazione e la meditazione, combatte dolori e attenua la stanchezza, agisce sul Qi di milza.
  • Arancione: stimola il metabolismo, rafforza il Qi dei polmoni, ridona equilibrio allo Shen  (energia mentale in questo caso inteso come sistema nervoso) aiuta a superare ansie e paure.

Per coloro i quali non credono alla cromoterapia possiamo dire che in estetica i colori sono fondamentali e anche nell’abbigliamento un colore vivace da allegria e di solito i colori scuri portano le persone ad avere uno stato d’animo più cupo così come ogni cosa colorata che invade la nostra vita quotidiana.